venerdì 15 marzo 2019

Giornata Mondiale della Poesia

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 ed è celebrata il 21 marzo, che segna anche il primo giorno di primavera.
La data riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace. Quest'anno l’Associazione culturale “Viva Mente, in collaborazione con l’Assessorato alla cultura del Comune di Carmiano, ha deciso di dar vita a un progetto dedicato alla poesia che avrà come protagonisti gli autori che vorranno condividere le proprie poesie o poesie d’autore, leggendo e commentando attraverso una passeggiata letteraria che sarà accompagnata dalla chitarra classica del M° Davide Picci. La celebrazione della poesia è la celebrazione dell’animo umano che diventa voce e parla con un linguaggio universale. L’evento si terrà nel pomeriggio del 23 marzo, a partire dalle 18,30 nell’elegante Sala Consiliare del Palazzo Comunale di Carmiano.

Segnatevi la data: contiamo sulla vostra partecipazione attiva.

giovedì 14 febbraio 2019

Giuria del Premio Vitulivaria 2019

 

 

 

Il Comitato Organizzatore del Premio Letterario “Vitulivaria” ha definito i nominativi dei cinque giurati per la Poesia e dei cinque giurati per la Narrativa che costituiranno la Commissione giudicatrice della V edizione del Premio  “Vitulivaria” memorial Gerardo Teni.

   La Presidenza della Giuria
è stata conferita a:

Maria Rosaria Teni, Presidente e fondatrice del Premio, saggista, poetessa.
MARIA ROSARIA TENI

 

 

                      Giuria per la Poesia


         Clelia Ancora, docente di lettere, scrittrice










Teresa Pascali, docente di lettere, poetessa








 
Maria Teresa Capone dirigente scolastico







 

Stefania Arnesano, assessore alla cultura, avvocato



         
              



   

                             Antonio Teni, poeta, scrittore

 

 

                  

 Giuria per la Narrativa


Mariantonietta Valzano, scrittrice, docente







 
Rossella Salvia, docente di lettere, scrittrice





Dario Quarta, giornalista, direttore del periodico quiSalento











Simona De Riccardis, avvocato, scrittrice



Antonio Teni



Tutte le opere ammesse al giudizio finale giungono in forma rigorosamente anonima, contrassegnate solo dal titolo e dal numero di arrivo e vengono esaminate attentamente nel rispetto dei seguenti criteri:
  • analisi tematica (emozioni, immagini, messaggi evocati dal testo)
  • originalità ed elaborazione del contenuto (musicalità, ritmo, coesione)
  • analisi formale (struttura metrica, ritmica e sintattica)
  • analisi stilistica (uso delle figure retoriche, proprietà del linguaggio, forza espressiva)
In accordo con il Comitato organizzatore del Premio, la Commissione ha stabilito inoltre che tutti i finalisti riceveranno una Menzione d’onore con il risultato conseguito e le motivazioni espresse dalla giuria.
Si è stabilità quindi la seguente classifica:
 10 FINALISTI SEZIONE POESIA  VITULIVARIA 201910 SEGNALAZIONI DI MERITO
 10 FINALISTI SEZIONE – AMOR CHE MOVE IL SOLE E L’ALTRE
STELLE” 2019
 10 SEGNALAZIONI DI MERITO
 10 FINALISTI SEZIONE NARRATIVA VITULIVARIA 2019  5 SEGNALAZIONI DI MERITO
 10 FINALISTI SEZIONE POESIA SCUOLE SECONDARIE 2^  GRADO -  VITULIVARIA 201910 SEGNALAZIONI DI MERITO
10 FINALISTI SEZIONE POESIA SCUOLE SECONDARIE 1^ GRADO - VITULIVARIA 2019
VERRÀ    ATTRIBUITO    ALL'AUTORE    CHE    SI    SARÀ DISTINTO PER MERITI LETTERARI  IL PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA PER LE SEZIONI A) – B) - C).
Dal 4° al 10° classificato: MENZIONE D’ONORE
DALL’11° AL 20° classificato: SEGNALAZIONE DI MERITO
Il Comitato organizzatore del Premio

lunedì 28 gennaio 2019

"Vitulivaria 2019" - Inzio lavori Giuria


All’indomani della scadenza del termine di presentazione delle opere, non posso fare a meno di esprimere la mia grande soddisfazione per i risultati ottenuti. La quinta edizione del Premio Vitulivaria – memorial Gerardo Teni, ha infatti registrato una partecipazione al di là di ogni aspettativa e di questo devo ringraziare veramente tutti i poeti e i narratori che hanno, ancora una volta, creduto in questo Premio e gli hanno affidato i loro versi e le loro pagine con entusiasmo e tanta, tanta passione. L’edizione del 2019 ha visto aumentare il numero degli elaborati rispetto ai circa duecento presentati nell’edizione del 2017 (i numeri precisi si avranno dopo la prima riunione della commissione esaminatrice, ma si stima intorno ai quasi trecento) e, soprattutto, ha rilevato, da una prima catalogazione delle opere giunte al Comitato organizzatore, un’ampia partecipazione da parte delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Non posso che ringraziare calorosamente i docenti coinvolti che, con professionalità, dedizione e competenza, hanno condotto i loro studenti a mettersi in gioco in un ambito, quello poetico, che, se non viene giustamente valorizzato, rischia di essere trascurato se non addirittura sottovalutato. Una grande risposta si è avuta dagli autori in prosa, con un alto numero di racconti che saranno esaminati da una Giuria preposta e diversa da quella nominata per la poesia. Ciò che maggiormente mi riempie di gratificazione è che tutto il successo del Premio letterario “Vitulivaria” è stato raggiunto grazie agli sforzi e alla straordinaria collaborazione di singole persone che hanno lavorato con una generosità infinita, senza godere, ahimè del supporto della stampa locale che, salvo l’ottima diffusione operata dal mensile QuiSalento ad opera del suo direttore Dario Quarta e del web journal  ViviCitt@News di Carmiano (http://www.vivicittanews.it/index.php/eventi/item/1001-vitulivaria-premio-per-aspiranti-poeti),non ha dimostrato molto interesse alla divulgazione del Premio e alla sua ragione d’essere in un territorio che presenta indubbiamente maggiori difficoltà di comunicazione rispetto ad altri centri.  Deve essere detto, perché con il tempo proprio dalle carenze si può ripartire per essere ancora più perfetti ed efficienti. La giuria sarò al lavoro già dai prossimi giorni e presto verranno resi noti i nomi dei finalisti e di coloro che riceveranno una menzione speciale. Un premio alla scrittura, ma anche un riconoscimento alla funzione catartica della parola che, in questa quinta edizione, si è accompagnata alla tematica antica dell’amore, costituendo un armonioso intreccio che ha regalato un valore aggiunto al mondo dei sentimenti. “Vitulivaria”, nel suo credo originario vuole affermare, nel suo modesto contributo in campo poetico e letterario, la fede nella funzione sociale e culturale della poesia e della scrittura più in generale e, nonostante le difficoltà occasionali collegate all’organizzazione di un concorso, persegue con costanza il cammino della scrittura ad ogni costo, per promuovere il valore della funzione poetica in un momento in cui la comunicazione si impoverisce di parole per arricchirsi di stereotipi. Un augurio allora a tutti i numerosi poeti e scrittori che hanno accolto l’invito a camminare insieme sulla strada della poesia!

Maria Rosaria Teni

 

 



lunedì 7 gennaio 2019

PROROGATA SCADENZA AL 21 GENNAIO 2019



Una buona notizia per chi si sta affrettando a consegnare le proprie opere prima delle vacanze natalizie: il Comitato organizzatore del Premio Vitulivaria, tenendo delle numerose richieste pervenute e del periodo delle festività, ha ritenuto opportuno concedere una proroga di 15 giorni alla data di scadenza, inizialmente stabilita per il giorno 6 gennaio 2019, fissando al 21 gennaio 2019 la data definitiva di consegna delle opere.

Buona scrittura a tutti!

https://www.facebook.com/premioletterariovitulivariamemorialgerardoteni/

 

venerdì 28 settembre 2018

"Un Premio che premia" di Maria Rosaria Teni

                             “L’amor che move il sole e l’altre stelle.”
                             (Paradiso XXXIII, v. 145 Dante Alighieri)
Parlare del Premio letterario “Vitulivaria” – memorial Gerardo Teni è un’occasione sempre molto gradita e mi consente di raccontare come, nel corso degli anni e delle varie edizioni, effettivamente questo Premio abbia sempre accresciuto il suo valore e la sua specificità, attestandosi con vivezza nel panorama poetico e mettendo in evidenza “penne” di grande talento e passione nonché di sorprendente creatività. Il rapporto che si è man mano creato con i poeti e gli scrittori che hanno partecipato nelle quattro edizioni precedenti del Premio è stato straordinario e molti di essi continuano a seguire il percorso di Vitulivaria, inviando le loro opere e instaurando una rete di scambio culturale veramente entusiasmante. Considerato tutto questo e anche il numero crescente di partecipanti, provenienti da ogni parte della penisola, si è ritenuto dunque di voler proseguire nell’organizzazione di un’altra edizione di “Vitulivaria”, la quinta, malgrado gli inevitabili sforzi e le consuete contratture burocratiche. Nelle edizioni precedenti si è voluto sottolineare lo straordinario legame del Premio con il territorio, implicito nel latinismo del titolo “Vitulivaria”, inserendo delle sezioni a tema che avessero la funzione di rimarcare le peculiarità di una terra da sempre aperta allo scambio di culture diverse, ma presto la tematica si è allargata, prendendo in considerazione aspetti più prettamente personali e intimistici come la riflessione sul tempo, insieme filosofica ed introspettiva, o anche la funzione rilevante della musica con il tema : “La musica nel cuore” che tanti poeti ha sollecitato. Oggi, nella quinta edizione, il tema è invece affidato ad una mirabile citazione, di universale bellezza “L’amor che move il sole e l’altre stelle.”     (Paradiso XXXIII, v. 145 Dante Alighieri), che rappresenta il culmine dell’esperienza trascendente di Dante e il vertice della sua poesia con la celebrazione della visione finale del creatore dell’universo. In questa scelta tematica, l’amore, quell’amore che è principio e anima dell’universo, quell’amore che muove il sole e le stelle, si eleva al di sopra di tutto per magnificare il senso della vita che, dopo l’estrema visione, si glorifica dell’appartenenza dell’essere umano, di ogni essere, al ritmo dell’universo. L’amore, dunque, in questa sede specifica del Premio, è visto in tutte le innumerevoli sfaccettature in cui si manifesta nella vita dell’uomo, dal senso della nascita, all’amicizia, all’affettività, al matrimonio, alla paternità e maternità e non ultimo al senso della natura. Non è facile parlare d’amore: banalità, contraddizioni, luoghi comuni, fraintendimenti sono trappole che spingono ad una mistificazione del concetto d’amore, che risulta infine, di difficile estrinsecazione. L’amore, partendo dalla prospettiva divina nell’improvvisa folgorazione di Dante, si lega strettamente con tutto ciò che è nell’universo, raggiungendo il microcosmo del vissuto quotidiano, confrontandosi con alcune delle manifestazioni intrinseche dell’uomo e si sostanzia delle stesse emozioni che fanno parte di ognuno di noi. Concludo questa mia riflessione, con l’augurio di un felice viaggio dunque, nel mondo della poesia e della scrittura, attraverso un’opera di scandaglio nel proprio Io per trarre da esso tutto ciò che è nascosto, tenendo sempre presente che la poesia vive in ognuno di noi e ci aiuta a “vivere”.
Maria Rosaria Teni

https://premioletterariovitulivaria.wordpress.com/

Evidenza

Giornata Mondiale della Poesia

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 ed è celebrata il 21 ma...